Tu sei qui: Home / News / Namazu e Kadori, al Windsor Park un murales ispirato alla mitologia giapponese

Namazu e Kadori, al Windsor Park un murales ispirato alla mitologia giapponese

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 19/06/2017 11:54
L'inaugurazione domani, dalle ore 19:00, alla presenza del Sindaco Gian Carlo Muzzarelli.

Si terrà domani pomeriggio, con inizio alle ore 19:00, alle Officine Windsor Park di Via San Faustino, l'inaugurazione dei nuovi murales firmati dall'illustratore e street artist modenese Luca Zamoc.

 

I murales, che occupano due pareti della sala, hanno come protagonisti due figure appartenenti al mondo della mitologia giapponese, Namazu e Kadori. Il primo è una carpa di grandi dimensioni che vive nel fango e che con i suoi bruschi movimenti è in grado di scatenare violenti fenomeni sismici, il secondo, il Dio Kadori, l'unico in grado di scongiurarli grazie all'ausilio di una zucca.

 

Una scelta quella dei soggetti e del tema trattati nella rappresentazione, dettata non dal caso bensì figlia del ricordo ancora vivido del drammatico terremoto, vissuto in prima persona dallo stesso Zamoc, che nel maggio del 2012 colpì tra gli altri anche i territori di Modena. Un evento difficile da cancellare per il giovane modenese che attraverso la propria sensibilità di artista ha voluto reintepretare in chiave mitologica quell'esperienza dal forte impatto emotivo.

 

Completato in appena quattro giorni di lavoro, il processo di realizzazione del murales, che rientra nell'ambito delle attività svolte dalle Associazioni di Officina Windsor Park sulla base di una convenzione con l’Ufficio Politiche per la legalità e le Sicurezze del Comune di Modena, è stato proposto dai giovani della Rete degli Studenti. La Redazione di Stradanove ha incontrato due suoi aderenti, Claudia Scarpa e Francesco Martinelli, che hanno motivato i murales con l'intento di rendere la sala polivalente sempre più attrattiva per i giovani, ma anche per tutti gli altri frequentatori tra cui anche moltissimi bambini. Non a caso hanno collaborato con Zamoc alcuni studenti modenesi tra cui Filippo Contatore, Dante Borghi e Piepaolo Guaitoli Panini del Liceo Classico Muratori e Caterina Barbieri dell' I.I.S Selmi che la Redazione di Stradanove ha avuto modo di conoscere nel corso dell'ultimazione del murales lo scorso giovedì 7 giugno.

 

Una parete sarà infine allestita con gli scatti dei luoghi invisibili di Modena realizzati da "Officina Progetto Fotografia".

 

Per info e approfondimenti:

Windsor Point

Via San Faustino 155/U - Modena

Tel. 059 345737

Mail: officinawp@gmail.com

 

 

*Per le foto si ringrazia Fabrizio Toscan.

 

 

 

 

La Redazione

16 Giugno 2017

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo