Tu sei qui: Home / News / I volontari del Servizio Civile incontrano i Centri di Aggregazione Giovanile. Terza tappa: GAVCI

I volontari del Servizio Civile incontrano i Centri di Aggregazione Giovanile. Terza tappa: GAVCI

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 27/06/2018 10:44
Continua il viaggio a tappe, intrapreso dal gruppo dei volontari del SCN in servizio presso il Comune di Modena, per conoscere e far conoscere i centri di aggregazione giovanile alla cittadinanza e ai giovani del territorio.

Oggi siamo stati in visita al GAVCI, un piccolo-grande CAG di Modena che si trova in via Baccarini n° 5, una laterale di via Crocetta.

 

Fondato sui valori della pace e non-violenza, si tratta forse del più antico centro di aggregazione di Modena, infatti le prime attività iniziarono nel lontano 1973 quando, un gruppo di giovani, si propose spontaneamente per aiutare gli anziani del quartiere nelle tante piccole difficoltà quotidiane. Nel 1974 arrivarono i primi “obiettori di coscienza” - renitenti alla leva militare - portati in auto da Roma dal Monsignor Angelo Cavagna, per collaborare con i volontari modenesi nella realizzazione del progetto. Da allora sempre più persone, giovani e anziane, sono state coinvolte e hanno potuto beneficiare delle attività e iniziative dell'associazione, facendo così diventare questo luogo un importante punto di riferimento per tutta la comunità che abita e vive il quartiere Crocetta.

La storia prosegue fino ai giorni nostri e oggi il GAVCI è un importante CAG dove confluiscono numerosi bambini e ragazzi che qui possono essere seguiti nei compiti e nello studio, sia durante l'anno scolastico che durante il periodo di vacanza estiva. Il GAVCI quindi svolge un ottimo servizio di doposcuola e i risultati si vedono dalla costante numerosa presenza di bambini che imparano le materie scolastiche ma anche e soprattutto il rispetto delle regole e del prossimo, così come ci riferisce Gianfranco Buffagni, storico volontariato del CAG.

 

Arriviamo verso le ore 16.00 ed è in corso il doposcuola: tutti i bambini sono seguiti da almeno un volontario o da un ragazzo che presta servizio civile e si avverte un clima sereno e famigliare che facilita l'apprendimento e la concentrazione. I locali sono ben arieggiati e luminosi, le pareti colorate, cose molto importanti per un bambino che per la prima volta entra in un ambiente nuovo.

 

GAVCI_2Sempre parlando con Gianfranco, scopriamo che anche per il prossimo anno scolastico (settembre 2018 – giugno 2019) sarà previsto un corso di alfabetizzazione della lingua italiana rivolto agli stranieri. Questo corso, che viene proposto già da alcuni anni, ha come obiettivo quello che le persone possano progressivamente prendere confidenza con la lingua e la cultura italiana, così che anche il loro ingresso nel mondo del lavoro sia facilitato. Molta importanza viene infatti data alla inclusione dello straniero che qui non deve più sentirsi “straniero”, ma accolto e capito da persone che per esperienza conoscono molto bene le dinamiche migratorie e i relativi problemi di integrazione, così come le culture dei paesi d'origine delle persone che abitano il quartiere. Un CAG multietnico dunque, aperto anche d'estate e soprattutto quasi gratuito. Viene infatti richiesta solo una somma simbolica (5 Euro) per l'iscrizione al doposcuola che dura per l'intero anno scolastico; e altri 5 Euro per poter partecipare al centro estivo, con la possibilità di andare a divertirsi presso la piscina Dogali una volta a settimana.

 

Il CAG GAVCI ha partecipato attivamente al bando del progetto SIAMO, un progetto di inclusione dei giovani stranieri tramite la funzione socializzante ed inclusiva del “gioco intelligente”, che ha visto coinvolti diversi CAG della città, l'Associazione PlayRes e il Comune di Modena. I ragazzi sono stati tutti coinvolti in attività ludiche, giochi di società e da tavolo, e la risposta è stata molto positiva, al di là di ogni aspettativa! Il divertimento ha permesso a bambini e ragazzi di svagarsi in modo costruttivo, di conoscersi meglio fra di loro; nella fattispecie l'attività di gioco ha permesso di sviluppare ulteriormente competenze e attitudini, che ognuno di loro già possiede e che utilizza nella propria percezione del mondo e dell'altro durante la crescita.

 

GAVCI_3I maestri della non-violenza.

Sui temi della pace e della non-violenza, valori fondanti dell'associazione, il GAVCI ha voluto realizzare un gioco di tipo MEMORY con i volti e le storie di tutti i più grandi pacifisti del mondo, tra i quali compaiono: H. David Thoreau, Nelson Mandela, Martin L. King, e tanti altri... Questo gioco è stato chiamato “I maestri della non-violenza” e il suo scopo è quello di utilizzare il gioco come mezzo di conoscenza e sensibilizzazione rispetto a queste tematiche. Attraverso la modalità ludica, risulta essere funzionale e coinvolgente proporre ai giovani temi così attualmente importanti.

 

A questo progetto si affianca il tema della cittadinanza attiva, proposto attraverso la YoungERcard un progetto che cerca di coniugare agevolazioni di tipo economico sull'acquisto di beni e servizi con percorsi di volontariato rivolti ai giovani verso la comunità. Finora sono già state diverse le tessere rilasciate e continua l'impegno del CAG verso questa forma di coinvolgimento, offrendo ai ragazzi che ne vengono in contatto opportunità di crescita e conoscenza della comunità in cui vivono.

 

Le criticità riscontrate sono poche o non attinenti alla gestione del CAG. I problemi reali provengono da alcune zone del quartiere Crocetta e dal Parco XXII Aprile, tristemente noto anche per il traffico di sostanze psicotrope, problema purtroppo ancora non del tutto debellato. Ma anche in questo caso il personale del GAVCI tiene monitorata la situazione e per proteggere bambini e ragazzi, futuri adulti, senza inutili ipocrisie li ha già messi in guardia: “non avvicinatevi mai a chi vi offre delle cose”. Da questo punto di vista possiamo essere tranquilli.

 

Il GAVCI si caratterizza infatti anche dallo spirito che ne accomuna chi vi lavora: ci sono giovani e meno giovani, volontari e ragazzi in servizio civile, studenti in alternanza scuola-lavoro, ma tutti quanti insieme desiderano perseguire un ideale condiviso, di pace, giustizia e salvaguardia del benessere comune.

 

Crediamo che ci stiano riuscendo molto bene.

 

Articolo a cura di Lu.Bi.

Redazione Stradanove

Giugno 2018

 

 

GAVCI Modena

Via Baccarini, 5 – akidxs.webnode.com/progetto-crocetta - Tel. 059/311482
Apertura: lunedì 14.30–17.30; dal martedi al sabato 9.00-12.00 e 14.30–17.30
È un doposcuola dedicato agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. I ragazzi vengono seguiti ogni pomeriggio nello svolgimento dei compiti. Si organizzano inoltre eventi ed iniziative di carattere ludico-culturale.

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo