Tu sei qui: Home / Mosaico / Mosaico / Interviste / VIVERE A MODENA. ATTRAVERSO GLI OCCHI DI ALI'

VIVERE A MODENA. ATTRAVERSO GLI OCCHI DI ALI'

creato da Emily Ruth Navarro Guerrero ultima modifica 18/06/2014 10:46
Dalla Turchia a Modena. Scopriamo la storia di Alì, arrivato sette anni fa in Italia e oggi felice di vivere a Modena

Sette anni fa Alì Al arriva in Italia dalla Turchia. La sua prima casa è a Camposanto, nella bassa modenese, dove rimane per qualche anno. Oggi vive con la framiglia a Modena.

Lo abbiamo incontrato e ci siamo fatti raccontare la sua storia.

 

Disponibile, sorridente, ci confessa che all'inizio aveva paura di questo cambiamento perché non sapeva cosa lo aspettava in un nuovo paese: il suo timore più grande era quello di non avere amici con cui rapportarsi, ma fortunatamente una volta conosciute nuove persone e altri ragazzi della sua età tutto è stato più facile.

 

Quando Ali e la sua famiglia trovano occasioni di lavoro nella città del Balsamico, decidono di trasferirsi.

 

Nonostante la certezza del posto di lavoro, il viaggio verso una nuova destinazione porta però con sé nuovi timori. Alì non vuole essere preso in giro un'altra volta: ricorda infatti che il momento più difficile del processo di immigrazione è stato imparare ad esprimersi in un'altra lingua, cosa che in altre occasioni aveva scatenato l'ilarità di alcuni compagni. Ci spiega che il suo percorso è stato “molto difficile, perché il primo giorno non sapevo niente, non conoscevo nessuno. Mi prendevano, pure, in giro”.

 

Tuttavia la vita di Ali a Modena trascorre in tranquillità, e non si ripetono i problemi di cui tanta paura aveva. “Mi sono trovato benissimo, guarda”, dice riferendosi ai giovani modenesi.

 

Ali è un giovane vivace, pieno di energia, che ha vissuto il percorso di immigrazione e integrazione con molta naturalezza: “Stavamo giocando a calcio, non ho fatto apposta, ho fatto un fallo e quindi mi volevano picchiare”, racconta Ali riferendosi senza troppa importanza all'unico litigio di cui ha memoria.

 

Si avvicina un suo amico, incuriosito dall'intervista. Interrompe le parole di Alì per abbracciarlo e chiedere se diventerà in una persona famosa. Ali immediatamente ci spiega che “per me i miei amici sono molto importanti”.

 

Modena è ora la sua nuova casa, è dove si trovano la sua famiglia e i suoi amici. Gli è difficile dire cosa non apprezza di questa città.

Dopo un po' dice che “verso le 3 di mattina... c'è gente strana, spacciatori”.

Ali consiglia ai ragazzi come lui di “non fumare e non rubare”.

 

Ci avviciniamo alla fine dell'intervista e Ali ci confessa che gli piace la pizza.

 

 

La testimonianza dei quattro ragazzi è stata raccolta dagli operatori del progetto Infobus Eva Ferri e Fabiana Fuoco nell'ambito del progetto mosaico. Testo a cura di Emily Navarro