Tu sei qui: Home / Libri / L'ultima sonata di Cristina Rava

L'ultima sonata di Cristina Rava

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 20/07/2017 09:57
Ad Albenga tornano le indagini del medico legale Ardelia Spinola

Un prato in fondo ad un sentiero poco frequentato, vicino ad una chiesetta nell’entroterra di Albenga. Una coppia sdraiata sull’erba. Lei molto bella, esile, bionda, carnagione chiara. Indossa uno chemisier di seta come andava di moda molti anni fa. Lui scuro di occhi, pelle e capelli, porta un completo di altri tempi. Un bouquet di fiori in mano a lei. Fiori ovunque.

 

È per caso che due fidanzatini si imbattono in quelli che sembrano due sposi (o due amanti?) uniti in un amore eterno oltre la morte. I fiori nascondono i fori dei proiettili. Chi li ha uccisi? Perché? Perché tutta la messa in scena? Che il motivo sia nascosto in questa messa in scena così accurata che pare imitare antiche fotografie dal gusto macabro di epoca vittoriana? Anzi, che sia proprio questa ricostruzione teatrale il fine del duplice omicidio?

 

Puntuale all’appuntamento estivo, la scrittrice di Albenga Cristina Rava è tornata con il romanzo “L’ultima sonata” a farci godere delle vicende della sua protagonista, il medico legale Ardelia Spinola che abbiamo imparato a conoscere bene: umana nello svolgere un lavoro che ha qualcosa di fredda disumanità e che lei - con un cinismo che non rispecchia i suoi veri sentimenti - spiega come ‘frugare i morti’, curiosa, vivace, amante dei gatti e del buon cibo (meglio se ligure), una relazione finita con il commissario Rebaudengo e un nuovo amore per Arturo, un uomo che si interessa di alchimia e vive ad un’ora di distanza da Albenga.

 

Nei romanzi della serie con Ardelia le indagini - come è ovvio - spettano alla polizia, eppure Ardelia riesce, in qualche maniera, ad essere sempre coinvolta e la soluzione dei casi spetta spesso a lei. Perché ha intuito, perché ha coraggio (sovente al limite della sventatezza), perché non si tira mai indietro, anche quando (come questa volta) il lato saggio di lei le dice che può mettere in pericolo la sua vita.

 

L’originalità del nuovo libro di Cristina Rava è nell’abilità narrativa per cui il lettore segue le mosse e i pensieri dell’assassino fin dall’inizio, in capitoli in terza persona che si distinguono da quelli in prima persona in cui è Ardelia a raccontare. Il lettore sa anche quale sia il lavoro del tenebroso assassino, chi frequenta, immagina visivamente il suo aspetto per poi restare sconcertato davanti ad un improvviso e magistrale colpo di scena che dapprima lascia in dubbio sull’attribuire le colpe. Eppure, per quanto questo personaggio del tipo “Mr. Jekyll e dottor Hyde” cerchi giustificazioni più o meno plausibili per il suo delitto, per quanto voglia sentirsi innocente, il trauma che ha subito nel passato e che lo ha portato a questo atto estremo non è risanato, il Male che si porta dentro continua a suppurare ed esploderà ancora in maniera virulenta.

 

Il personaggio di Ardelia, invece, è un poco più spento in questo romanzo, il quarto della serie. Ardelia è meno frizzante, incerta sui suoi sentimenti per Arturo (i suoi ragionamenti sull’opportunità di vivere lontani- lei e Arturo- ci fanno a pensare a Salvo Montalbano e a Livia, eterni pendolari dell’amore), la solitudine più o meno voluta la spinge verso amicizie allettanti e pericolose. Poi la sorte interferisce nella sua vita nel momento più opportuno: riappare il commissario Rebaudengo.

 

Siamo sinceri: facciamo il tifo per lui, ci è più simpatico di Arturo, ci piacciono la sua ruvidezza, la sua flemma piemontese e il suo intercalare dialettale con le vocali chiuse.

 

Aspettiamo dunque la prossima indagine in cui si lascerà coinvolgere il medico legale Ardelia Spinola, curiosi anche sull’evoluzione delle sue vicende amorose. E aggiungiamo un dettaglio per gli amanti del genere giallo-rosa e per tutti i gattofili: per ogni personaggio del libro c’è un gatto (a volte più di uno, così la media è salva). E sono dei veri personaggi anche loro, con nome, personalità, gusti in fatto di cibo e perfino di programmi televisivi.

 

 

Cristina Rava, “L’ultima sonata”

Ed. Garzanti, pagg. 282, Euro 16,90

 

Recensione a cura di Marilia Piccone

Blog "Leggere a lume di candela"

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici