Tu sei qui: Home / Internet sicuro / News / Web e diritto all’oblio per chi si riabilita

Web e diritto all’oblio per chi si riabilita

creato da Cavalieri Federica ultima modifica 04/10/2019 08:44
Il Garante della privacy ha ordinato a Google di rimuovere un paio di link

Il Garante della privacy ha ordinato a Google di rimuovere un paio di link che portavano ad informazioni riguardanti la situazione giudiziaria non più rappresentative della attuale situazione di un imprenditore.

La vicenda inizia nel 2007, si conclude nel 2010 con la condanna dell’imprenditore.

Qualche anno dopo ottiene la riabilitazione che non trova però traccia su internet ed è così che interviene il Garante della Privacy che ordina a Gooogle di eliminare le url che rimandano ad informazioni non più aggiornate.

Nel giudicare fondato il reclamo ed ordinare la deindicizzazione, l'Autorità ha ritenuto che "l'ulteriore trattamento dei dati realizzato attraverso la persistente reperibilità in rete degli Url contestati - nonostante la riabilitazione e il tempo trascorso dal verificarsi dei fatti - determinasse un impatto sproporzionato sui diritti dell'interessato, che non risulta bilanciato da un attuale interesse del pubblico a conoscere la vicenda. La persistenza in rete di tali informazioni giudiziarie non aggiornate, infatti, non è in linea con i principi alla base dell'istituto della riabilitazione, il quale, pur non estinguendo il reato, comporta il venir meno delle pene accessorie e di ogni altro effetto penale della condanna come misura premiale finalizzata al reinserimento sociale della persona".

 


A cura di Civibox
Settembre 2019
Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Internet sicuro

Internet sicuro

scrivici

 

MakeIt Modena_logo